Foto La fiaba dei 3 bauli

“La fiaba dei 3 bauli” è il nuovo, applaudito spettacolo di Max e Marcello,  proposto domenica pomeriggio (17 gennaio 2016) all’ Auditorium di Morbegno dagli amici del Teatro Daccapo di Bergamo, nell’ ambito della rassegna L’Albero Magico che QM organizza con impegno e passione da ben 14 anni. Storia da ascoltare col fiato sospeso, ma anche da vivere da protagonisti insieme ai due fantastici attori, veri maghi dell’ intrattenimento divertente, sensato  e mai banale. Sul palco compaiono tre bauli “dimenticati”, scovati per caso dentro una polverosa soffitta di un palazzo “dimenticato”. E quando i loro scricchiolanti coperchi si aprono alla voglia di giocare e fantasticare…allora comincia l’ avventura: lo sbadato Nespola “dimentica”, chissà dove, la Maga Cartoccia, ma il suo baule regala il prezioso cappello di carta e i relativi attrezzi del mestiere al cantastorie Tartufo, pronto a trasformare ogni foglio di carta in un oggetto diverso. Tutti in piedi dunque, grandi e piccini, con pagine di giornale che paiono aquiloni, tappeti volanti e ancora.. cappelli, mantelli, gonne e bavaglini, pannoloni, cavalloni, volanti di camion e motociclette, palle di cannone, vele di galeoni, mazzi di fiori e infine palle di neve, raccolte poi in sacchi capienti dal simpatico Mastro Pinguino e dalle amiche Foche. Risate, grida di festa, bambini coinvolti e felici. Gli altri due bauli ci parlano di un artista giocoliere,” jongleur” per dirlo alla francese, abile incantatore di strade e di piazze con semplici palline colorate a braccetto di simpatiche rime baciate, per finire con i suoni e gli strumenti musicali provenienti da ogni angolo del pianeta. Il mappamondo gira e un piccolo spettatore indica col ditino una terra, un luogo: Francia, Grecia...così si danza, ancora tutti in piedi, a suon di musica, al ritmo scandito dal battimani incessante. E in quell’ istante si rammenta di possedere, racchiuso dentro lo scrigno del cuore, un angolo segreto dove ognuno può inventare storie, avventure e personaggi che solo il teatro sa  tramutare magicamente in realtà.

Francesca Giudice – Ufficio stampa QM
Precedente Video Us and Them Successivo 23 gen, Bap Kennedy Band